Bianca come il latte, rossa…

Bianca come il latte, rossa come il sangue

.

Leo ha sedici anni, per lui la vita ha solo due colori: il Bianco e il Rosso. Non si pettina mai, gioca a calcetto, ascolta musica a tutto volume, così non si pensa. Detesta fare i compiti ma se ne frega perché sa che li copierà. La scuola è bella ma solo al pomeriggio, quando i prof non ci sono. Il Bianco è il vuoto assoluto, il silenzio, la noia e fa paura. Da evitare. Il Rosso è il sangue che pulsa nelle vene prima di una partita, è il colore dei capelli di Beatrice, la ragazza dei suoi sogni. Da rincorrere.  Farebbe qualunque cosa per lei perché è innamorato, innamorato pazzo di Beatrice.  Anche se lei ancora non lo sa. Quando finalmente trova il coraggio di avvicinarsi alla ragazza, scopre che Beatrice sta attraversando un grande dolore. Di fronte alla sua sofferenza, Leo si trova a crescere e fare delle scelte intorno al suo mondo che lo guarda e lo incoraggia: i genitori, i compagni, un professore davvero “speciale”. E poi c’è Silvia, l’amica di sempre, la confidente fedele di ogni suo segreto…

Anno: 2013
Regia: Giacomo Campiotti
Soggetto e sceneggiatura: Fabio Bonifacci e Alessandro D’Avenia
Con: Filippo Scicchitano, Luca Argentero, Aurora Ruffino, Gaia Weiss, Flavio Insinna, Cecilia Dazzi.
Produzione: Lux Vide e Rai Cinema

.

.

.

.

.

Frasi dal film

.

Il bianco

Leo: “Il bianco è un colore che non sopporto. Notte in bianco, foglio il bianco, andare in bianco. Il bianco non è niente come il silenzio e la scuola è più bianca del bianco. L’amore invece è rosso, tempesta, uragano che spazza via! Così mi sento ogni volta che vedo Beatrice. I capelli rossi più belli che la storia abbia mai visto. Ci amiamo da un anno. Be’, lei… ancora non lo sa, ma un giorno di questi glielo dico eh! Devo soltanto trovare il momento adatto e la pettinatura giusta!”

I colori

Leo: “Ogni cosa è un colore, ogni emozione è un colore!”

I libri cambiano la vita

Leo: “Ogni volta che leggo un libro, mi cambia la vita perché, mentre lo leggo, vorrei fare altro!”

Sono nato…

Leo: “Sono nato il primo giorno di scuola, cresciuto e invecchiato in soli duecento giorni…”

Conoscere Beatrice!

Niko: “Leo, Beatrice la devi conoscere!”

Leo: Ma come? E’ in quarta, tutti 8, pure francese. E stava con uno di 23 anni, vuol dire che ha già fatto l’amore… In due Niko, capisci la differenza?”

Sms

Leo: Tre messaggi, non mi ha risposto. Che vorrà dire?”

Niko: “Tre ipotesi. A: paralisi alle dita. B: rapita dagli alieni. C: di te non gliene frega un cazzo. Tu che dici?”

La reincarnazione di Dante

Leo: Incredibile: uno del Medioevo prova le stesse cose che provo io! E se fossi la reincarnazione di Dante?”

Niko: Ok poeta, facciamo la prova… Con cosa fa rima vaffanculo?”

Leo e Silvia

Leo: Ho scritto una lettera a Beatrice. Mi dici che ne pensi? (legge) Non so cosa si debba dire

in questi casi. Se devo fare finta che stai bene, che non sto soffrendo per te, che tu non mi piaci…”

Silvia: “…che tu stia bene, che non stia soffrendo, che tu non mi piaccia…”

Leo: Congiuntivo maledetto! Per fortuna ho un’amica come te!”

Silvia: Leo, io non sono tua amica”

Amore ed eroismo

Supplente: “Se la ami, non pensare a dare la vita… L’amore non è eroismo, l’amore è stare lì. Il gesto che fa davvero paura spesso è quello più semplice”

Leo e Beatrice

Leo: Beatrice… io… ti amo”

Beatrice: E’ bello che tu lo dica Leo, ma non so se hai capito… Io sto morendo”

  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...
E' necessario che tu sia collegato per poter inserire un commento.